La Via Lattea dal Paranal

29 settembre 2009 - 21:53 | In Astronomia | Commenti disabilitati

Clicca per ingrandire

Oggi vorrei proporvi questa bellissima immagine del centro della nostra Via Lattea, realizzata da Stéphane Guisard, ingegnere presso l’ESO (European Space Observatory).

La foto, realizzata dal Cerro Paranal (Cile), uno dei cieli più bui e puliti del mondo, ricopre un’area di 24×30 gradi con 340 milioni di pixel, che va dalla costellazione del Sagittario fino a quella dello Scorpione.

Per realizzarla sono state necessarie 29 notti e 1.200 foto, per un totale di oltre 200 ore di esposizione.

Sulla destra potete vedere una regione ricca di colori, si tratta di Rho Ophiuchi e Antares, e regioni invece molto più scure, come la nebulosa della Pipa e quella del Serpente.

La fascia polverosa obliqua invece, dove sono presenti anche le nebulose luminose e rosse come la Nebulosa Laguna, la Trifida, NGC 6357 e NGC 6334, rappresenta il centro della nostra galassia, dove si nasconde un buco nero supermassiccio.

Vito Lecci

Arriva la Stazione Spaziale, luminosissima, sopra di noi

23 settembre 2009 - 11:21 | In Varie | 6 Commenti

Cari amici,

oggi vorrei segnalarvi quattro interessantissimi passaggi della ISS (Stazione Spaziale Internazionale) sopra le nostre teste nei prossimi quattro giorni.

Dalle mappe che potete vedere qui di seguito noterete che tutti e quattro i passaggi sono in senso longitudinale alla nostra Penisola, quindi le condizioni di visibilità saranno favorevoli per TUTTI gli italiani.

Ecco elencati i passaggi, i cui dati (e immagini) provengono dal sito “www.heavens-above.com”:

24 Settembre 2009

Sorge sopra l’orizzonte alle 19:49 in direzione Nord-Ovest

E’ 10° sopra l’orizzonte alle 19:51 in direzione Nord-Ovest

Massima altezza (58°) alle 19:54 in direzione Nord-Nord-Est

Entra nell’ombra alle 19:55 in direzione Est

La luminosita sarà di magnitudine -3,2

iss-20090924

************************************************************************

25 Settembre 2009

Sorge sopra l’orizzonte alle 20:13 in direzione Ovest-Nord-Ovest

E’ 10° sopra l’orizzonte alle 20:15 in direzione Ovest-Nord-Ovest

Massima altezza (35°) alle 20:18 in direzione Sud-Ovest

Entra nell’ombra alle 20:19 in direzione Sud-Ovest

La luminosita sarà di magnitudine -2,1

iss-20090925

************************************************************************

26 Settembre 2009

Sorge sopra l’orizzonte alle 19:02 in direzione Nord-Ovest

E’ 10° sopra l’orizzonte alle 19:04 in direzione Nord-Ovest

Massima altezza (61°) alle 19:07 in direzione Nord-Est

Entra nell’ombra alle 19:10 in direzione Est-Sud-Est

La luminosita sarà di magnitudine -3,3

iss-20090926

************************************************************************

27 Settembre 2009

Sorge sopra l’orizzonte alle 19:27 in direzione Ovest-Nord-Ovest

E’ 10° sopra l’orizzonte alle 19:29 in direzione Ovest-Nord-Ovest

Massima altezza (34°) alle 19:32 in direzione Sud-Ovest

Entra nell’ombra alle 19:34 in direzione Sud-Sud-Est

La luminosita sarà di magnitudine -1,9

iss-20090927

Tutti gli orari sono riportati nella nostra Ora Locale, ma sono riferiti al mio Parco di Salve (LE). Tuttavia, con buona approssimazione, sono validi per tutta la nostra Penisola.

Nelle mappe riportate sopra potete vedere le traiettorie della ISS, le parti tratteggiate si riferiscono al suo ingresso nell’ombra terrestre, quindi in quel tratto la stazione spaziale, pur essendo sopra di noi, non si potra vedere.

Ci tengo a sottolineare la particolare luminosità di questi passaggi, soprattutto quelli del 24 e del 26 che con una magnitudine rispettivamente di -3,2 e -3,3 porterà la Stazione spaziale ad essere l’oggetto più luminoso del cielo, addirittura più luminoso di Giove (mag. -2,75) ben visibile in tutte queste sere.

Vi ricordo che, se volete, potrete cimentarvi in qualche semplice foto per riprendere la “strisciata” dei vari passaggi. A questo proposito qualche immagine commentata, che potrete utilizzare come spunto, potrete trovarla nell’articolo: “Ecco le foto della Stazione Spaziale“.

Non ci rimane che sperare che le nubi non interferiscano.

Buona visione !

Vito Lecci

Qui si schianterà la sonda LCROSS

17 settembre 2009 - 23:14 | In Astrofisica, Astronautica | 4 Commenti

Clicca per ingrandire

La NASA ha reso noto il sito in cui la sonda LCROSS sarà fatta schiantare sulla superficie della Luna il prossimo 9 ottobre 2009.

Il prescelto è stato il cratere Cebeus A, in prossimità del polo sud del nostro satellite.

La scelta, raggiunta dopo una serie attente valutazioni da parte dei ricercatori, è dettata dall’alta possibilità che sul fondo di questo cratere, mai toccato dai raggi solari, possa esserci ghiaccio d’acqua.

La sonda scaglierà il suo proiettile “centaur”, che solleverà un bel polverone (è il caso di dire), quindi LCROSS attraverserà la nube di detriti analizzandoli, prima di schiantarsi anch’essa sulla superficie della Luna.

Oltre alla scelta del cratere, anche quella del giorno dell’impatto non è stata casuale. Infatti il 9 ottobre l’illuminazione di quella particolare regione lunare sarà favorevole per consentire l’osservazione del fenomeno anche con i telescopi a terra e con l’Hubble Space Telescope.

Addirittura anche gli astronomi non professionisti potranno seguire l’evento, purchè miuniti di un telescopio di almeno 25-30 cm di diametro. Peccato solo che all’ora dell’impatto qui in Italia saranno le 13:30, sono gli americani quindi i privilegiati per l’osservazione dell’evento… :-/

Vorrà dire che ci accontenteremo di sapere come sarà andata.

Come al solito vi terrò informati.

Vito Lecci

Una Farfalla vola nello Spazio

12 settembre 2009 - 14:10 | In Astrofisica | 13 Commenti

Oggi vi propongo questa bellissima immagine ripresa dall’Hubble Space Telescope in seguito all’ultima missione di manutenzione. L’immagine è stata ottenuta grazie all’utilizzo della camera WFC3 (Wide Field Camera 3), installata sull’HST proprio in quella occasione.

Si tratta della NGC 6302, popolarmente nota come Nebulosa della Farfalla.

E’ una nebulosa planetaria, originata cioè dalla morte e successiva esplosione di una stella che, in questo caso, aveva una massa pari a cinque volte quella del Sole. Quelle che sembrano le sue delicate ali in realtà sono getti di gas, della temperatura di circa 20.000 °C, che si espandono ad una velocità di 96.000 Km/h.

A 2.200 anni dall’esplosione che ha generato la nebulosa, oggi le sue ali si estendono per oltre due anni luce, la metà della distanza che ci separa dalla stella a noi più vicina, la Alpha Centauri.

Essa si trova nella nostra Via Lattea, in direzione della costellazione dello Scorpione, a circa 3.800 anni luce da noi.

Vito Lecci

P.S.:

Potete scaricare le immagini ad alta risoluzione alla pagina riservata agli iscritti.

Per chi non fosse già iscritto può farlo, gratuitamente, QUI.

 

LRO fotografa il sito dell’allunaggio dell’Apollo 12

11 settembre 2009 - 00:01 | In Astronautica | 2 Commenti

Clicca per ingrandire

In questo post vorrei segnalarvi questa bellissima immagine della Luna ripresa dalla sonda LRO, in orbita lunare dal 23 giugno scorso, e da allora ci sta inviando delle bellissime immagini del nostro satellite.

Questa volta però, molto interessante credo sia questa immagine dell’area dell’allunaggio avvenuto nel novembre del 1969, in occasione della missione Apollo 12.

Cliccando sull’immagine potrete ottenerne un ingrandimento. Qui si possono notare:

  • il Surveyor 3, una sonda automatica atterrata sulla Luna due anni prima della missione umana Apollo 12. Da questa sonda ha poi preso il nome il vicino cratere lunare;
  • il modulo Intrepid, a bordo del quale gli astronauti Pete Conrad and Alan Bean, sono atterrati, a circa 200 metri dal Surveyor 3;
  • il modulo ALSEP (Apollo Lunar Surface Experiment Package), che gli astronauti hanno installato sulla superficie della Luna;
  • addirittura ci sono le orme lasciate dagli astronauti sulla Luna, indicate dalle frecce senza nome.

Questa dovrebbe costituire una n-ma conferma che sulla Luna l’Uomo ci è stato realmente, al contrario di alcune sgangherate affermazioni che mi è capitato di sentire in giro.

Post correlati:

Fotografato anche il sito dell’allunaggio dell’Apollo 11” del 01/10/2009

Siamo mai stati sulla Luna? ma certo che si!!!” del 04/03/2008

Vito Lecci

La Grande Muraglia (Magico Oriente)

4 settembre 2009 - 11:57 | In Varie | 4 Commenti

Clicca per ingrandire

Cari Amici,

questa volta vorrei deliziarvi con questa immagine di una delle più belle e imponenti opere architettoniche della storia dell’Umanità.

Ovviamente si tratta della famosissima Grande Muraglia, eretta nel III secolo a.C. per proteggere la Cina dalle incursioni dei popoli confinanti, soprattutto dei Mongoli.

Si tatta di un’imponente opera, larga meno di dieci metri, ma lunga oltre 8.000 Km, dichiarata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità nel 1987.

E’ una di quelle cose che mi hanno lasciato col fiato sospeso. La sensazione che ho provato visitandola è stata la voglia di percorrerla per intero, in effetti quando la si guarda estendersi davanti a sè viene naturale la voglia di andare la dove lo sguardo riesce a raggiungerla. Poi, una volta raggiunto quel traguardo, lo sguardo ne vede ancora un altro tratto ed ecco che riaffiora la voglia di percorrere anche quello.

Insomma, in quel soleggiato 14 Luglio 2009,  se non avessi avuto soltanto la mattinata a disposizione per la visita, mi sarei sicuramente incamminato per percorrerla tutta quanta… ;)

E’ uno dei posti che nella vita desideravo tanto visitare e, solo qui, ho scattato centinaia di foto, questa è solo una delle tantissime.

Vito Lecci

P.S.: Cliccando sull’immagine potete ottenerne un ingrandimento.

La foto della congiunzione Luna-Giove

3 settembre 2009 - 00:27 | In Astronomia, Eventi Astronomici | Commenti disabilitati

Congiunzione Luna-GioveCi siamo, nel momento in cui scrivo questo post la Luna e Giove, in congiunzione, sono davanti a me, appena al di sopra del monitor del mio pc portatile.

Non vi nascondo che fa un certo effetto vederli nel cielo reale e, in contemporanea, immortalati nella foto che vi propongo qui accanto.

Ma proprio da questo confronto diretto non posso fare a meno di notare, con un certo rammarico, che per quanto ci si possa sforzare di riprodurre l’evento nella maniera il più possibile fedele, tuttavia la foto rimane ben lungi dal poter trasmettere, anche in minima parte, l’emozione dell’evento visibile nella realtà.

Non che non fossi già a conoscenza di questa limitazione delle foto, ma prenderne atto così…

Ma passiamo ai dati tecnici, qualora qualcuno di voi fosse interessato a replicare l’esperienza in qualche altra congiunzione in futuro.

L’immagine che vi propongo è il risultato della composizione di due fotografie, questo perché la Luna e Giove hanno luminosità molto differenti tra loro, quindi non è possibile coglierli appieno entrambi in un singolo scatto.

Per entrambe è stata utilizzata una sensibilità di 100 ISO ed un obiettivo da 200mm su Canon EOS 350D.

La prima delle due foto è stata scattata con rapporto focale f/5.6, esposizione 1/160 sec. Ciò mi ha permesso di riprendere la Luna correttamente esposta e ben visibili i suoi mari.

La seconda foto invece è stata scattata ad f/13, esposizione 1 sec. Questo mi ha permesso di immortalare Giove in tutta la sua brillantezza.

Ovviamente poi le ho elaborate, con l’aiuto di Photoshop, al fine di ottenere il meglio da entrambe.

Vito Lecci

Stasera congiunzione Luna-Giove

2 settembre 2009 - 07:30 | In Astronomia, Eventi Astronomici | 3 Commenti

Vi informo che verso la mezzanotte di oggi (nella notte tra il 2 ed il 3 settembre) la Luna, a due giorni di distanza dalla sua fase di plenilunio, raggiungerà la minima distanza angolare da Giove.

I due astri disteranno infatti soltanto 2° 30′ tra di loro.

Come al solito potrete utilizzare questa congiunzione per realizzare qualche simpatica fotografia che, se volete, potrei pubblicare su questo blog.

Buona visione.

Vito Lecci

Perduta la sonda lunare Chandra

1 settembre 2009 - 09:28 | In Astronautica | Commenti disabilitati

Vi ricordate della sonda indiana Chandrayaan-1, lanciata il 22 ottobre 2008 ed imessa in orbita lunare a novembre? Ne parlammo in un precedente post.

Purtroppo l’Agenzia Spaziale indiana ISRO (Indian Space Research Organization)  ha reso ufficiale la notizia di aver perso ogni contatto con la sonda stessa.

All’origine di questo increscioso epilogo vi erano alcuni problemi ad una antenna ed un sensore, ma la sonda non aveva mai perso i contatti con la Terra. Purtroppo però a questo si è aggiunto un danno irreparabile al computer di bordo che ha fatto completamente perdere i contatti con Chandra.

A questo punto verranno utilizzati alcuni radar russi e americani per seguire l’orbita della sonda fino a quando la stessa non si schianterà sul suolo lunare, tra circa un anno.

Adesso sono iniziati i preparativi per mettere a punto la sonda Chandrayaan-2 che dovrebbe essere lanciata nel 2012, sebbene l’Agenzia Spaziale indiana sia fiduciosa di poter anticipare questo appuntamento. Questa seconda sonda porterà a bordo anche un rover che, sbarcato sul suolo lunare, sarà in grado di compiere esplorazioni e rilevamenti chimici.

Vito Lecci

Sidereus Nuncius è basato su piattaforma WordPress
Copyright © 2008-2013 Vito Lecci
Tutti i contenuti del sito sono protetti dal diritto d'autore
Questo Blog è proprietà di SIDEREUS di Vito Lecci - P.IVA 03472890759