Annullato il lancio dello Shuttle Endeavour

29 aprile 2011 - 22:09 | In Video | 2 Commenti

Durante il conto alla rovescia dell’Endeavour, che sarebbe dovuto partire pochi minuti fa, il lancio è stato annullato.

Il motivo risiede in un cattivo funzionamento di alcune resistenze che avrebbero il compito di evitare il congelamento dell’idrazina, il combustibile di uno dei motori orbitali della navetta.

La prossima data utile per il lancio, non prima di lunedi prossimo.

Ovviamente tornerò ad informarvi in merito.

Vito Lecci

La Stazione Spaziale e lo Space Shuttle solcheranno i cieli italiani in queste notti

29 aprile 2011 - 17:41 | In Varie | Commenti disabilitati

Cari amici,

vi informo che la Stazione Spaziale Internazionale sta predisponendosi per una nuova serie di passaggi, particolarmente luminosi, sopra il nostro Paese.

I passaggi di cui parlo, e che val la pena di segnalare, sono unicamente quelli longitudinali alla nostra Penisola, in maniera che possano essere visibili da tutta l’Italia, sia a nord che a sud.

In tutti questi appuntamenti la ISS comparirà in direzione Nord-Ovest per procedere fino a scomparire in direzione Sud-Est.

Ecco l’elenco degli appuntamenti, dove ho evidenziato quelli più luminosi e spettacolari:

  • 30 aprile 2011, ore 21:25, magnitudine -1,9;
  • 1 maggio 2011, ore 20:15, magnitudine -1,0;
  • 1 maggio 2011, ore 21:49, magnitudine -2,1;
  • 2 maggio 2011, ore 20:38, magnitudine -2,0;
  • 2 maggio 2011, ore 22:14, magnitudine -0,7;
  • 3 maggio 2011, ore 21:02, magnitudine -3,7;
  • 4 maggio 2011, ore 21:26, magnitudine -2,2;
  • 5 maggio 2011, ore 20:15, magnitudine -3,6;
  • 6 maggio 2011, ore 20:39, magnitudine -2,0;
  • 8 maggio 2011, ore 19:53, magnitudine -1,8.

Come vedete gli orari, sebbene possano variare leggermente da una località all’altra, sono molto comodi e la luminosità della ISS è sempre molto elevata, raggiungendo il massimo il 3 ed il 5 maggio, con una magnitudine addirittura di -3,7. Invece l’1 ed il 2 maggio avremo dei doppi passaggi, distanziati di circa 90 minuti, il tempo che la ISS impega per fare il giro del mondo.

Volendo potete anche cimentarvi in qualche foto, riprendendo la “strisciata” che la ISS lascia nel cielo. In questo post “Ecco le foto della Stazione Spaziale” potete trovare qualche suggerimento a questo proposito.

Aggiungo un’altra piccola considerazione: vista la partenza dello Shuttle di questi giorni (a questo link) molto probabilmente la sera del 30 aprile e dell’1 maggio vedremo la Stazione Spaziale viaggiare insieme allo Shuttle, che apparirà come una “stellina” meno luminosa che viaggia accanto a quella più brillante della ISS.

Buona osservazione !

Vito Lecci

Incendio alla webfarm Aruba, sito SIDEREUS (temporaneamente) fuori servizio

29 aprile 2011 - 10:20 | In Varie | Commenti disabilitati

Vi informo che il sito ufficiale del Parco Astronomico SIDEREUS (www.sidereus.info) è temporaneamente fuori servizio a causa di un incendio divampato nella Webfarm aretina di Aruba.

Come il nostro migliaia di siti risultano irraggiungibili dalle 04:00 di questa mattina.

A quanto pare l’incendio è stato domato ed i dati risultano essere al sicuro, tuttavia occorre ancora un po’ per ripristinare i server.

Vito Lecci

Aggiornamento, ore 11:50

PROBLEMA RISOLTO: a quanto pare non ho fatto in tempo ad annunciarlo che i tecnici di Aruba hanno già ripristinato i servizi e tutti i siti residenti sui loro server sono nuovamente on-line.

Vito Lecci

Due italiani sulla Stazione Spaziale, gli facciamo compagnia?

28 aprile 2011 - 10:15 | In Astronautica | Commenti disabilitati

Eccolo lo Shutlle Endeavour,

posizionato sul PAD 39A e pronto a partire domani sera, 29 aprile, alle 21:47 (ora italiana).

Quindi seguire le fasi del lancio della missione STS-134 sarà molto comodo per noi Europei, e potremo farlo dal solito link della NASA:

http://www.nasa.gov/55644main_NASATV_Windows.asx

La missione avrà una durata di 14 giorni, sono previste 4 passeggiate spaziali e nell’equipaggio c’è anche l’astronauta italiano Roberto Vittori.

E pensare che, già da qualche mese, sulla Staziona Spaziale Internazionale è presente un altro astronauta Italiano: Paolo Nespoli.

Quando lo Shuttle avrà attraccato sulla ISS saranno quindi due gli astronauti italiani presenti contemporaneamente sulla Stazione Spaziale. Non vorrei dire una sciocchezza, ma mi pare che una cosa del genere non sia mai accaduta prima, nella storia dell’astronautica.

E noi siamo ben contenti di far compagnia ai nostri compatrioti in orbita, inviando anche il nostro nome e, volendo, anche una nostra foto nello Spazio, proprio in occasione di questa missione. Di questo vi ho parlato estesamente nel mio precedente post: “Che ne direste di volare sullo space Shuttle ?

Ovviamente tornerò poi a spiegarvi quando e come potrete scaricare il vostro certificato.

Buon volo… :D

Vito Lecci

Che ne direste di volare sullo Space Shuttle ?

26 aprile 2011 - 20:27 | In Varie | 8 Commenti

Cari amici,

conclusa la gitarella fuori porta di Pasquetta, vi propongo adesso un’altra gita, questa volta a bordo dello Space Shuttle. La NASA infatti offre a chiunque la possibilità di inviare il proprio nome ed una propria foto nello spazio, in occasione delle ultimissime missioni dello Shuttle, prima che la navetta venga definitivamente messa a riposo e mai più utilizzata.

Vi avevo già parlato in passato di questa opportunità, nel post: “Vola a bordo dello Space Shuttle” in cui vi spiegavo come partecipare alle missioni STS-133 ed STS-134.

Oggi, tornando sul sito della NASA, nella sezione dedicata al progetto “Face in Space”, al seguente link:

https://faceinspace.nasa.gov/index.aspx

troverete che è ancora possibile partecipare alla STS-134 ed alla nuovissima, e davvero ultima, STS-135. Non dovete far altro che inserire il vostro nome e, se volete, anche una vostra foto.

Non dimenticate di annotarvi, o meglio stampare, il codice che vi verrà comunicato, vi servirà, una volta rientrato lo Shuttle, ad ottenere il vostro certificato.

Per chi di voi ha già partecipato alla missione STS-133 vi informo che il vostro certificato è già pronto e attende solo che lo scarichiate dal sito della NASA. Per averlo andate al seguente link:

https://faceinspace.nasa.gov/certificate.aspx

cliccate su “print”, in corrispondenza della missione STS-133, ed inserite il codice che a suo tempo avete ottenuto, verrà visualizzato un certificato in PDF, simile a quello che vedete in alto (il mio) firmato dal comandante di missione. Potrete ovviamente salvarlo sul vosto PC e stamparlo.

Buon divertimento.

Vito Lecci

Pasqua sotto le stelle

16 aprile 2011 - 11:23 | In Varie | Commenti disabilitati

Cari Amici,
vi informo che domenica 24 Aprile 2011 stiamo organizzando, al Parco Astronomico SIDEREUS, una serata osservativa alla scoperta di diversi oggetti celesti.

In quella occasione la Luna non sarà presente, quindi la mancanza del suo bagliore agevolerà l’osservazione di oggetti di cielo profondo, come alcune nebulose, alcuni ammassi stellari, ma poi volgeremo il telescopio anche verso Saturno, che darà spettacolo di sè con i suoi bellissimi anelli ed i suoi satelliti.

Come di consueto la serata sarà arricchita anche dall’esperienza all’interno del nostro Planetario e dalla mostra di meteoriti, meridiane, sistema solare, modellini spaziali e tanto altro ancora.

Vi ricordo che, per chi volesse partecipare, è richiesta una prenotazione da effettuarsi al seguente recapito telefonico: 349/8470776.

A presto.

Vito Lecci

Una fucina di stelle a due passi dalla Via Lattea

8 aprile 2011 - 10:34 | In Astrofisica | Commenti disabilitati

La bolla di gas di color rosso vivo, in questo tripudio di stelle che la contiene, è la nebulosa NGC 371, una sorta di enorme incubatrice stellare che sta dando vita a migliaia di stelle neonate.

L’idrogeno di cui essa è costituita rappresenta la materia prima dalla quale le stelle nascono e risplendono, illuminandone la nebulosa madre che, come si vede in questa immagine, acquista il caratteristico colore rosso dell’idrogeno ionizzato.

Questo splendido oggetto celeste si trova nella Piccola Nube di Magellano, una galassia nana a circa 200.000 anni luce da noi, quindi molto vicina alla nostra Via Lattea. Purtroppo però resta visibile soltanto dall’emisfero australe, in quanto molto prossima al Polo Sud Celeste.

Potete cliccare sull’immagine per ottenerne l’alta risoluzione.

Vito Lecci

Sidereus Nuncius è basato su piattaforma WordPress
Copyright © 2008-2013 Vito Lecci
Tutti i contenuti del sito sono protetti dal diritto d'autore
Questo Blog è proprietà di SIDEREUS di Vito Lecci - P.IVA 03472890759