Eclisse di Luna parzialmente visibile dall’Italia

28 novembre 2011 - 18:52 | In Astronomia, Eventi Astronomici | 32 Commenti

Cari amici,

come vi avevo prennunciato in occasione di un mio precedente post, in questo periodo il Sole e la Luna sono situati in prossimità della linea dei nodi, giorni quindi in cui possono verificarsi delle eclissi.

Infatti lo scorso 25 novembre è stato il Sole ad eclissarsi dietro la Luna, nella sua fase di novilunio, in un evento che però si è manifestato soltanto in Antartide e parte del Sud Africa e Tasmania.

A 14 giorni di distanza, quando il nostro satellite si troverà nella sua fase di plenilunio, assisteremo invece ad una eclisse di Luna, che vedremo immergersi nel cono d’ombra terrestre.

Benchè l’eclisse sarà totale, dall’Italia assisteremo solo alla fase terminale dell’evento, durante la parzialità in uscita.

Questo significa che il 10 dicembre 2011, alle 16:20 (ora italiana), la Luna sorgerà già “morsicata”, poi l’ombra della Terra sul nostro satellite si ritirerà progressivamente, fino scomparire alle 17:18 (ora italiana), quando sarà alta nel cielo soltanto 8°47′, in direzione Est-Nord-Est.

Avremo poco meno di un’ora per goderci la Luna parzialmente in ombra, che sarà bassa sull’orizzonte, quindi facilmente fotografabile insieme a qualche elemento naturale e/o architettonico che possa aiutarci a comporre un’inqudratura “ad effetto”.

IMPORTANTE: proprio a causa della sua bassissima altezza sull’orizzonte, come ci aiuta a capire l’immagine in alto, sarebbe opportuno, per chi ha deciso di osservare l’evento, pensare già da subito ad individuare un orizzonte libero ad oriente.

Vi auguro buona visione e buona caccia fotografica.

Vito Lecci

P.S.: le foto dell’eclisse al seguente LINK.

Un’Eclisse di Sole poco interessante… oppure no?

23 novembre 2011 - 09:50 | In Astronomia, Eventi Astronomici | 21 Commenti

Un’eclisse Parziale di Sole si verificherà dopodomani, 25 novembre 2011.

Personalmente ritengo che quello delle eclissi di sole sia uno dei più bei spettacoli della Natura, anche se questa volta non saremo fortunati. Infatti, come indica chiaramente la mappa, l’evento si manifesterà completamente in Antartide, in una piccola regione del Sud Africa e della Tasmania.

Tuttavia questa eclisse, benché fuori dalla portata di quasi tutta la popolazione terrestre, conserva una certa importanza in quanto annuncia una fortunata configurazione astronomica, preludio di altri interessanti eventi astronomici.

Avete già capito a cosa alludo ?

In ogni caso ve ne parlerò presto.

Vito Lecci

Curiosity, il nuovo robot marziano

20 novembre 2011 - 12:11 | In Astronautica, Video | Commenti disabilitati

Si chiama MSL (Mars Science Laboratory), simpaticamente soprannominato Curiosity, il nuovo robot della NASA che a giorni sarà lanciato verso il Pianeta Rosso.

Assomiglia un pochino ai suoi predecessori Spirit ed Opportunity, ma sarà grande il doppio e pesante il triplo. Quindi avrà molta più disponibilità di carico e quindi di strumentazione scientifica da portare con sè. Potrà infatti analizzare, in loco, dozzine di campioni di terreno e rocce marziane, al fine di appurare la possibilità che Marte sia stato, o sia, in grado di ospitare la vita.

Il lancio è previsto da Cape Canaveral il prossimo 26 Novembre 2011, alle 16:02 (ora italiana).

MSL atterrerà su Marte nell’agosto 2012, dove avrà una vita operativa prevista di almeno un anno marziano (due anni terrestri).

Per ora gustatevi il trailer:


Oppure guardate il filmato completo:


Vito Lecci

Ecco l’asteroide “antenato” della Terra

18 novembre 2011 - 18:05 | In Astrofisica, Astronomia | 2 Commenti

Si chiama Lutetia, ha un diametro di circa 100 Km ed è un asteroide molto diverso da tutti gli altri che vagano intorno al Sole, tra l’orbita di Marte e quella di Giove.

A giudicare infatti dai dati a disposizione dei ricercatori, pare che questo asteroide in passato fosse molto più vicino al sole di quanto sia oggi, e faceva parte di quella particolare classe di asteroidi che hanno dato vita alla formazione di Mercurio, Venere e della nostra Terra.

A questa conclusione si è giunti in seguito ai dati raccolti dalla sonda Rosetta dell’ESA, dell’NTT (New Technology Telescope) dell’ESO e di alcuni telescopi della NASA.

Dal confronto di questi dati con quelli di varie meteoriti trovate sulla terra, pare che Lutetia abbia molte affinità con le enstatiti, una tipologia di meteoriti formatesi nelle vicinanze del Sole, che rappresenterebbero una delle principali costituenti della formazione dei primi pianeti ricciosi, tra cui il nostro.

Come mai oggi Lutetia si trovi invece nella fascia asteroidale tra Marte e Giove è ancora da appurare, sebbene i ricercatori pensino che l’asteroide abbia subito una sorta di effetto “fionda gravitazionale” da parte di uno dei pianeti interni, che lo avrebbe scaraventato in una regione più esterna del Sistema Solare. Un meccanismo del tutto simile a quello che gli stessi ricercatori utilizzano per proiettare le varie sonde spaziali verso i pianeti più lontani.

La scoperta di questa particolare natura chimica di Lutetia potrebbe candidare l’asteroide ad una futura missione robotizzata, che possa raccoglierne qualche frammento da riportare a terra ed analizzare, al fine di comprendere meglio le origini dei pianeti più interni del Sistema Solare, Terra compresa.

Clicca sull’immagine per avere un ingrandimento

Vito Lecci

In arrivo lo sciame meteorico delle Leonidi

14 novembre 2011 - 23:00 | In Astronomia, Eventi Astronomici | 10 Commenti

Leonidi 2001

Siamo ormai vicini ad un nuovo appuntamento con lo sciame meteorico delle Leonidi, generato dai detriti della cometa Tempel-Tuttle, che si verificherà nella notte tra il 17 ed il 18 novembre.

Purtroppo quest’anno non sarà la tempesta di meteore come quella a cui abbiamo assistito nel 2001, ma per chi è davvero determinato ad assistere all’evento e non ha paura del freddo di questi giorni, occorre sapere che l’appuntamento è nella seconda metà della notte.

Le meteore di questo sciame sembrano provenire tutte dalla testa della costellazione del Leone, da cui il nome Leonidi, che in queste sere la si vede sorgere ad Est verso la mezzanotte.

Purtroppo la Luna, nella sua fase di ultimo quarto, sarà proprio in quella direzione ed il suo bagliore potrebbe infastidire l’osservazione, cancellando sicuramente le scie meno luminose.

Interessante sapere che quest’anno potrebbe verificarsi anche un secondo picco di attività di questo sciame, nelle ore immediatamente precedenti l’alba del 19.

Vito Lecci

Serata Osservativa al Parco: Giove e la Nebulosa di Orione

13 novembre 2011 - 15:19 | In Varie | Commenti disabilitati

E’ programmata per sabato 19 novembre 2011, alle 20:30, la serata osservativa al Parco Astronomico SIDEREUS dedicata all’osservazione del cielo.

Punteremo il telescopio su Giove per scorgerne i satelliti e le sue bande equatoriali. Ma non ci limiteremo a questo, ci cimenteremo infatti anche nell’osservazione della Nebulosa di Orione e diversi altri oggetti celesti.

Come di consueto saranno operativi anche il nostro Planetario e la Galleria delle Scienze.

Per partecipare è necessaria una prenotazione telefonica al seguente recapito: 349/8470776.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito ufficiale del Parco SIDEREUS (www.sidereus.info).

Vito Lecci

Un altro video di YU55 (rilasciato l’11.11.11)

12 novembre 2011 - 08:45 | In Astronomia, Video | Commenti disabilitati

Proprio ieri, nella tanto discussa data dell’11.11.11, la NASA ha rilasciato un altro video dell’asteroide YU55.
Sono sempre le riprese fatte il 7 novembre (quindi appena prima del passaggio al perielio) dal radiotelescopio di Goldstone, ma questa volta ci sono un maggior numero di frames: 28.

Buona visione.

Vito Lecci

Video dell’asteroide YU55

9 novembre 2011 - 14:54 | In Astronomia, Video | 6 Commenti


 

In queste ore sta impazzando sulla rete questo video, realizzato con una sequenza di immagini dell’asteroide YU55.

Tuttavia questo video NON si riferisce al passaggio al perigeo, ma in un momento precedente, quando l’asteroide era in avvicinamento e distava da noi ancora 1,38 milioni di Km. Le immagini della minima distanza da noi (a 325.000 km) non sono ancora state diramate dalla NASA.

Quindi per ora non rimane che accontentarci di questo.

Se vi saranno novità vi farò sapere senz’altro.

Vito Lecci

Le prime immagini dell’asteroide che sta per sfiorarci

8 novembre 2011 - 08:17 | In Astronomia | 5 Commenti

Quella che vedete è una prima immagine, rilasciata dalla NASA, dell’asteroide YU 55, quando era ancora alla distanza 1,38 milioni di Km da noi, approssimativamente 3,6 distanze lunari.

Cliccateci sopra per avere un ingrandimento.

Vi ricordo che il passaggio radente avverrà questa notte, alle 00.28, come già vi annunciavo nel post dal titolo: “Un asteroide sta per sfiorarci“.

Ovviamente tornerò a darvi ulteriori aggiornamenti, appena disponibili.

Vito Lecci

Acqua su Marte, un’altra prova indiretta

7 novembre 2011 - 18:06 | In Astrofisica | Commenti disabilitati

Questa bellissima immagine, scattata dall sonda europea Mars Express dell’ESA, riprende il cratere Oraibi nella regione di Ares Vallis su Marte.

Oltre ad essere esteticamente molto bella, secondo i ricercatori questa immagine fornisce una ulteriore prova indiretta che, in passato, su Marte scorresse in abbondanza acqua allo stato liquido.

In questo caso la prova sarebbe da attribuire alla scarsa presenza di crateri antichi, mentre invece abbondano crateri relativamente giovani.

Questo fenomeno potrebbe essere causato proprio all’azione erosiva dell’acqua che, probabilmente circa 3,8 miliardi di anni fa, avrebbe cancellato ogni traccia dei crateri più antichi e più piccoli.

Ciccare sull’immagine per ottenerne un ingrandimento

Vito Lecci

Pagina successiva »

Sidereus Nuncius è basato su piattaforma WordPress
Copyright © 2008-2013 Vito Lecci
Tutti i contenuti del sito sono protetti dal diritto d'autore
Questo Blog è proprietà di SIDEREUS di Vito Lecci - P.IVA 03472890759