Miliardi di pianeti, potenzialmente abitabili, popolano la Via Lattea

28 marzo 2012 - 14:04 | In Astrofisica, Astronomia | 3 Commenti

Un recentissimo comunicato dell’ESO (European Southern Observatory), afferma che la nostra Via Lattea brulicherebbe di pianeti rocciosi, molto simili alla nostra Terra, a distanze ottimali dalla propria stella, da poter sostenere una eventuale forma di vita, almeno come la intendiamo noi.

Si tratterebbe di Super-Terre, pianeti cioè di poco più grandi del nostro (da una a cento volte più massicci della Terra), che orbitano intorno a nane rosse, piccole stelle meno brillanti del nostro sole, ma che costituiscono l’80% delle stelle della nostra galassia.

Utilizzando lo spettrografo HARPS, montato sul telescopio presso l’osservatorio di La Silla, in Cile, che per sei anni ha monitorato 102 nane rosse, sono state scoperte 9 super-Terre, di cui due nella zona abitabile (cioè ad una distanza ottimale dalla propria stella, tanto da rendere possibile l’esistenza dell’acqua allo stato liquido, condizione necessaria alla nascita e proliferazione della vita).

Quindi, estrapolando questo dato a tutte le nane rosse della Via Lattea, si raggiungerebbe la ragguardevole cifra di decine di miliardi di queste super-Terre nella nostra sola galassia, di cui almeno un centinaio dovrebbero essere vicinissime a noi, entro 30 anni-luce dal Sole.

Una di queste è Gliese 667cc, che orbiterebbe in un sistema solare triplo. E’ quattro volte più massiccia della Terra e, come si vede dall’immagine pittorica in alto, è sicuramente in una regione abitabile tel proprio sistema, tanto da consentire la presenta di acqua allo stato liquido sulla sua superficie.

Il passo successivo sarà studiare quelle che, dalla nostra prospettiva, transitano davanti alla propria stella, in maniera da poter cogliere qualche dettaglio della loro atmosfera.

Vito Lecci

Congiunzione Luna-Venere del 26/03/2012 (le foto)

26 marzo 2012 - 22:06 | In Astronomia, Eventi Astronomici | 42 Commenti

Cari amici,

anche in occasione di quest’ultima congiuzione tra la Luna e Venere, la splendida serata mi ha permesso di portare a casa qualche piccolo scatto che, volentieri, condivido con voi.

Nella prima foto, oltre alla Luna in congiunzione con Venere (in alto) trovate anche un astro meno luminoso, nella parte bassa, si tratta di Giove.

Vito Lecci

Abbuffata di pianeti del 31 marzo 2012: porte aperte al Parco Astronomico SIDEREUS

22 marzo 2012 - 09:00 | In Astronomia, Video | 12 Commenti


Si preannuncia una splendida serata, almeno da un punto di vista astronomico, quella del 31 marzo 2012, in cui assisteremo alla visibilità, in contemporanea, dei quattro pianeti più belli e interessanti del Sistema Solare: Giove, Venere, Marte e Saturno.

Serata ulteriormente allietata dalla presenza della Luna nel suo primo quarto.

Al Parco Astronomico SIDEREUS non ci faremo sfuggire quest’occasione, organizzando una serata appositamente dedicata all’osservazione al telescopio di questi oggetti celesti, alla scoperta delle fasi di Venere, dei satelliti di Giove, delle calotte di Marte e dei bellissim anelli di Saturno, oltre che i crateri, catene montuose e mari della Luna.

Per partecipare alla serata è necessaria una prenotazione telefonica al seguente recapito: 349/8470776.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito ufficiale del Parco SIDEREUS (www.sidereus.info).

Vito Lecci

Congiunzioni astronomiche multiple di fine marzo 2012

17 marzo 2012 - 11:51 | In Astronomia, Eventi Astronomici, Video | 28 Commenti

Anche in questa occasione mi sembrava appropriato realizzare questo breve videotutorial per raccontarvi di questo interessante evento astronomico di fine marzo, che vedrà la Luna in congiunzioni multiple con Giove, con Venere e con le Pleiadi.

Buon visione !

Vito Lecci

P.S.: Cari amici,
ancora una volta sono io che vi ringrazio per il vostro entusiastico interesse nei confronti di questa disciplina.
Ringrazio l’amico Fernando che propone i miei piccoli tutorial addirittura ai suoi studenti che, negli anni precedenti, ho conosciuto in seguito ad una serata con i telescopi che ho tenuto nella sua scuola, porgi loro i miei saluti Fernando.
Un grazie anche a tutti coloro che, presi da questo interesse per l’astronomia, si cimenteranno nell’osservazione di questo fenomeno e a chi addirittura vorrà seguire il mio consiglio di fotografarlo.
Vi prometto che tornerò presto con altri, spero interessanti, tutorial.
Un augurio di cieli sereni.

Congiunzione Giove-Venere da Capo S. Maria di Leuca (LE)

14 marzo 2012 - 08:53 | In Astronomia, Eventi Astronomici | 49 Commenti

Cari amici,

le condizioni meteo favorevoli di ieri sera mi hanno permesso di fare qualche scatto alla congiunzione tra Giove (l’astro meno luminoso, a sinistra) e Venere (il più luminoso, a destra).

Le foto sono state scattate da Capo S. Maria di Leuca, estremità meridionale della penisola Salentina.

Puoi ingrandire le foto cliccandoci sopra.

Ingrandisci anche questa seconda foto, cliccandoci sopra, noterai che accanto a Giove si intravedono appena i suoi primi quattro satelliti (Io, Europa, Ganimede e Callisto). Sono posizionati in alto a sinistra rispetto al pianeta.

Ad essere sincero non mi aspettavo affatto di riprendere  anche i satelliti, infatti per la foto ho utilizzato un semplice obiettivo da 200mm.

Vito Lecci

Le foto dell’allunaggio, come non le avete mai viste.

10 marzo 2012 - 09:28 | In Astronomia, Varie | Commenti disabilitati

Oggi non posso davvero non condividere con voi questa bellissima immagine della Luna.

E’ il sito dell’all’unaggio dell’Apollo 11, ad una risoluzione mai vista prima. L’ha scattata la sonda LRO (Lunar Reconnaissance Orbiter) in orbita lunare dal 2009 che ha prodotto una quantità impressionante di foto di altissima qualità e risoluzione del nostro satellite.

In passato LRO aveva già prodotto delle ottime foto dei siti degli allunaggi, ma questa voltala NASA ha deciso di abbassare temporaneamente la sua quota da 50 Km a soli 20, ciò ha permesso di aumentare drasticamente la risoluzione delle immagini riprese in questo nuovo assetto.

Si vedono chiaramente la parte inferiore del LEM, che gli astronauti hanno utilizzato come piattaforma di lancio per abbandonare la superficie della Luna, si vedono i vari strumenti scientifici che sono stati posati sulla superficie del satellite, tra cui l’LRRR (Lunar Laser Ranging RetroReflector), si tratta dei retroriflettori utilizzati ancora oggi per determinare con precisione millimetrica la distanza della Luna da noi.

Infine, piccola perla, la presenza dei passi che gli astronauti (Neil Armstrong e Buzz Aldrin) hanno lasciato sulla luna, sia per sistemare la strumentazione scientifica, sia nelle loro brevi passeggiate lunari, compresa quella verso il vicino cratere a 60 metri di distanza dal LEM.

Cliccate sull’immagine per ottenerne un’ingrandimento.

Vito Lecci

Venere e Giove si abbracciano (13/03/2012)

8 marzo 2012 - 09:53 | In Astronomia, Eventi Astronomici, Video | 54 Commenti

Questa volta ho preferito prepararti un video per raccontarti di questo prossimo interessante evento astronomico.

Spero ti torni utile e interessante.

Buona visione !

Vito Lecci

P.S.: Cari amici,
anche in questo post, le decine di commenti che mi avete lasciato, ed i toni entusiastici con cui li avete espressi, mi fanno capire che forse quella dei piccoli videotutorial, potrebbe essere la direzione giusta per una nuova e più efficace forma di divulgazione.
Anche qui quindi ringrazio ognuno di voi, uno per uno, per ogni vostro singolo contributo e vi saluto con la promessa di impegnarmi a servirvi ancora meglio e con maggiore efficacia in futuro.
A presto.

Vito Lecci

Aggiornamento 14/01/2012

Cari amici,
vi ringrazio tutti quanti per l’interesse che avete manifestato verso la mia seganalazione di questa congiunzione tra Giove e Venere.
Ne approfitto per segalarvi che ho fatto alcuni scatti all’evento che volentieri condivido con voi, potete trovarli nel post dal titolo:
Congiunzione Giove-Venere da Capo S. Maria di Leuca

Vito Lecci

Cibo “Made in Italy” per gli astronauti

2 marzo 2012 - 09:29 | In Varie | 1 Commento

Quante volte ci siamo chiesti cosa mangiano gli astronauti durante le loro lunghe missioni nello spazio?

Spesso pensiamo alle pillole liofilizzate o supervitaminiche, ma la realtà è che, nel corso degli anni i loro cibi, seppur preparati con una attenzione maniacale alla praticità, sicurezza e apporto nutrizionale, assomigliano sempre di più ai cibi terrestri.

Quelli che vedete in questa immagine sono due campioni di cibo italiano che gli astronauti hanno consumato sullo Space Shuttle e sulla Stazione Spaziale Internazionale durante le missioni degli astronauti italiani Paolo Nespoli e Roberto Vittori che, in occasione delle missioni STS-120 e STS-133, hanno portato con loro e fatto assaggiare a tutti gli altri membri dei rispettivi equipaggi, che hanno molto gradito la cucina italiana.

I due campioni mi sono stati donati dal mio amico corregionale, Raffaele Tiberino, che ringrazio di cuore, titolare dell’azienda barese “Sudalimenta s.r.l.”, i cui prodotti sono stati sottoposti ai severissimi test della NASA prima di essere accettati a bordo delle due missioni spaziali menzionate.

Oggi i due campioni di “Pasta fregola sarda con peperoni dolci” e di “Pasta fregola sarda con funghi porcini” consumate dagli astronauti nello spazio, sono in esposizione anche nel mio Museo dell’Astronautica, allestito presso il Parco Astronomico SIDEREUS di Salve (LE).

Sarò felicissimo di farvi vedere anche questa piccola perla nella mia esposizione, a patto però di non chiedermi di farvela assaggiare… :)

Vito Lecci

Sidereus Nuncius è basato su piattaforma WordPress
Copyright © 2008-2013 Vito Lecci
Tutti i contenuti del sito sono protetti dal diritto d'autore
Questo Blog è proprietà di SIDEREUS di Vito Lecci - P.IVA 03472890759