Piccolo sciame meteorico questa sera (28 luglio 2012)

28 luglio 2012 - 11:47 | In Senza categoria | 10 Commenti

Mentre aspettiamo l’appuntamento col più noto sciame meteorico di agosto, possiamo averne un piccolo assaggio proprio questa sera.

Si tratta delle Delta Acquaridi, un modesto sciame che avrà il suo massimo di attività proprio oggi. Sebbene il numero di scie visibili sarà piuttosto contenuto e la loro, già debole, luminosità messa a dura prova dalla presenza di una luna in primo quarto avanzato, vale tuttavia la pena di dare uno sguardo al cielo.

Il radiante dello sciame sarà ad est, nella costellazione dell’Acquario, dal quale sembreranno provenire le deboli scie luminose.

Buona osservazione !

Vito Lecci

AUGURI !!!

21 dicembre 2011 - 10:58 | In Senza categoria | 3 Commenti

Atlantis: torna a casa l’ultimo Shuttle

20 luglio 2011 - 11:12 | In Senza categoria | Commenti disabilitati

Domani 21 luglio 2011, alle 11:56 (ora italiana), è previsto il rientro a Cape Canaveral della navetta Atlantis che, dopo 200 orbite intorno alla Terra, col suo atterraggio determinerà la fine non solo della missione STS-135, ma dell’intera era degli Space Shuttle.

Se volete seguire quest’ultimo, storico, atterraggio in diretta potete farlo dal sito della NASA, al seguente link:

www.nasa.gov

oppure in alternativa da quest’altro link:

http://www.nasa.gov/55644main_NASATV_Windows.asx

Solo successivamente sarà possibile scaricare il certificato che attesta che anche la vostra foto ha volato a bordo dello Space Shuttle Atlantis, ma di questo tornerò a ricordarvene  a tempo debito.

Buona visione !

Vito Lecci

Continuano gli appuntamenti sotto il cielo stellato del Salento

19 luglio 2011 - 15:01 | In Senza categoria | Commenti disabilitati

Dopo alcuni giorni di pausa forzata, dovuta alla Luna Piena che rende impossibile qualunque approccio osservativo serio e decente, ricominciamo proprio oggi con le nostre consuete serate di osservazione del cielo stellato del Salento.

Fino alla fine di tutto questo mese di luglio dedichiamo TUTTE le sere a chiunque vorrà venire a trovarci, oltre al nostro planetario, oltre alla ricca mostra di meteoriti, meridiane, modellini NASA ecc, ci cimenteremo nell’osservazione di pianeti, nebulose, ammassi stellari, sistemi binari e tutto quello che il cielo ci vorrà elargire durante le varie serate.

Sebbene in molte di queste serate siamo già al completo (nel momento in cui scrivo), tuttavia sino alla fine di luglio ci sono ancora diverse possibilità per partecipare alle nostre iniziative.

Ricordo solo che, per partecipare alle nostre iniziative occorre prenotarsi al seguente recapito telefonico: 349/8470776.

A tutti voi i miei auguri di Buona Estate!

Vito Lecci

Una serata al Parco per osservare la Luna e Saturno

5 maggio 2011 - 08:29 | In Senza categoria, Varie | Commenti disabilitati

Se volete cimentarvi nell’osservazione della Luna (i suoi crateri, mari e catene montuose), oppure di Saturno (con i suoi bellissimi anelli ed i suoi satelliti), oppure ancora se volete visitare il Planetario alla scoperta del cielo osservabile da qualsiasi località terrestre ed in qualsiasi epoca, delle costellazioni occidue, circumpolari, dello zodiaco, o anche visitare la Galleria delle Scienze (con meteoriti provenienti da tutto il mondo, meridiane, orologi solari, calendari astronomici e tantissimo ancora), potete prenotare una visita presso il Parco Astronomico SIDEREUS dove,  l’8 Maggio 2011, si sta organizzando una serata osservativa pubblica.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito, per prenotare è necessario telefonare al seguente recapito telefonico: 349 / 8470776

Vito Lecci

Arriva la prima Eclisse di Sole del 2011

2 gennaio 2011 - 08:00 | In Senza categoria | 38 Commenti

Da un punto di vista degli eventi astronomici questo nuovo anno inizia decisamente bene.

Nella mattinata di martedì 4 gennaio avremo una eclisse parziale di sole visibile da tutta Europa, dall’Africa settentrionale, Medio Oriente e parte della Cina e dell’India.

Qui dall’Italia la Luna coprirà il disco solare per oltre il 60% della sua estensione, con leggere differenze tra l’Italia meridionale e quella settentrionale.

Gli orari dei principali istanti sono i seguenti:

- 07:54 (ora italiana) Primo contatto: il bordo della Luna tocca quello del Sole (inizio eclisse);

- 09:20 (ora italana) Centralità: la Luna copre la massima percentuale possibile del disco solare (come nella ricostruzione in basso);

- 10:47 (ora italiana) Ultimo contatto: la Luna abbandona il disco del Sole (fine eclisse).

Ovviamente questi orari, pur essendo calcolati per il Parco Astronomico SIDEREUS, con qualche piccola approssimazione possono essere considerati validi anche per il resto della nostra Penisola.

CONSIGLI PER L’OSSERVAZIONE:

Se volete godervi lo spettacolo non dimenticate che la luminosità del Sole è potenzialmente pericolosa per i nostri occhi, quindi NON guardatelo MAI senza una adeguata protezione.

NON usate vetri anneriti sulla fiamma della candela, NON usate la parte annerita delle radiografie, NON usate la parte bruciata dei rullini fotografici, NON usate nessun altro tipo di filtro dalla dubbia efficacia. Questi sistemi infatti pur permettendovi una osservazione “comoda” tuttavia NON proteggono i vostri occhi dalla radiazione ultravioletta e infrarossa del sole, che causerebbe danni irreversibili alla vostra retina.

Potete utilizzare invece filtri appositamente concepiti allo scopo oppure anche i vetrini per le maschere da saldatore, che potete trovare per circa 1 euro in qualsiasi ferramenta.

Questo filtro vi permetterà di vedere il Sole di colore verde, potrete osservare tutte le varie fasi dell’eclisse in assoluta sicurezza.

Non ci rimane che sperare che le condizioni meteo ci permettano di osservare il fenomeno.

Vi auguro una BUONA OSSERVAZIONE.

Vito Lecci

Il nucleo galattico come non lo avete mai visto

6 gennaio 2009 - 01:46 | In Senza categoria | 11 Commenti

Via Lattea (nucleo)

Cari Amici,
girovagando per la rete sono incappato in questa bellissima immagine del centro della nostra Via Lattea che devo assolutamente proporvi.

Si tratta di una combinazione di immagini riprese dall’HST (Hubble Space Telescope) e dal telescopio spaziale Spitzer. E’ il miglior panorama del nucleo galattico mai realizzato nell’infrarosso.

La regione fotografata misura 300×115 anni-luce e mostra chiaramente, oltre all’enorme quantità di stelle e di  gas ionizzato, anche le maggiori concentrazioni di stelle, note come: Central cluster; Arches cluster e Quintuplet cluster.

I venti e la radiazione provenienti da queste stelle determinano la complessità della struttura del nucleo galattico e, in molti casi, possono determinare anche la nascita di nuove generazioni di stelle.

Nell’immagine, in alto a sinistra, gli enormi archi di gas ionizzato indicano probabilmente la presenza di forti campi magnetici.
In basso a sinistra è evidente la regione di gas scolpita dai venti emessi dal Quintuplet cluster.
Al centro dell’immagine invece il gas ionizzato che circonda il buco nero supermassiccio presente nel nucleo della nostra galassia.

Per realizzare questa immagine sono state necessarie 144 orbite del telescopio Hubble e 2304 foto.

Vito Lecci

P.S.:
Potete scaricare l’immagine ad alta risoluzione alla pagina riservata agli iscritti.
Per chi non fosse già iscritto può farlo, gratuitamente, QUI.

Secondo voi cos è questo ?

7 dicembre 2008 - 14:16 | In Senza categoria | 7 Commenti

Cari Amici,
girovagando per la rete ho trovato questa immagine. Sembra una bellissima opera d’arte (anzi, sono convinto che lo sia).

Secondo voi di che cosa potrebbe trattarsi?

Non esitate al lanciarvi in qualsiasi cosa vi passi per la mente.

In ogni caso vi darò la risposta tra qualche giorno.

Vito Lecci

Aggiornamento: 10 Dicembre 2008

Cari Amici,
come promesso vi fornisco ulteriori informazioni sull’immagine in questo articolo.

In effetti, come evidenziato da Urturino e da Marco, ad una prima occhiata potrebbero sembrare proprio una piccola regione degli anelli di Saturno.
Anche Rado, Giuseppe e Teodosio, hanno avuto l’intuizione giusta pensando al materiale sabbioso, come suggerito infatti dalla trama nell’immagine.
Infine simpaticissimo anche il goliardico intervento di Andrea che, scherzosamente, ha pensato ad una piantagione di tabasco… :D

In realtà si tratterebbe dell’immagine in falsi colori di una regione del polo nord di Marte. Sono evidenziati vari strati le cui variazioni di colore potrebbero essere attribuite a piccole quantità di acqua gelata in superficie, oppure alla variazione della composizione del terreno, causata magari da eruzioni vulcaniche o fenomeni meteorologici locali.
In ogni caso l’immagine in alta risoluzione della superficie conterrebbe una specie di “registrazione” dei cambiamenti climatici avvenuti sul pianeta e potrà aiutare a comprendere la storia del clima marziano.

Sidereus Nuncius è basato su piattaforma WordPress
Copyright © 2008-2013 Vito Lecci
Tutti i contenuti del sito sono protetti dal diritto d'autore
Questo Blog è proprietà di SIDEREUS di Vito Lecci - P.IVA 03472890759